In manette Mario Pracca, dirigente Deutsche Bank: sequestrò l’amante per farla abortire

25 GEN – Voleva costringere una escort di ventinove anni, con la quale aveva avuto una relazione da un anno e mezzo, ad abortire il figlio che aspettava da lui, l’ha rapita, ma e’ stato arrestato.

In manette e’ finito Mario Pracca, 58 anni, membro del consiglio di gestione di Deutsche Bank Italia. Con lui, sono stati arrestati gli uomini che, stando alle indagini, avrebbe ingaggiato per spaventare la donna e indurla a uscire dalla sua vita: un mediatore e tre esecutori materiali.

Era il 6 marzo scorso quando in zona San Siro, nel box dell’abitazione del manager, viene rapita la 29enne italiana, al settimo mese di gravidanza. La ragazza sta per parcheggiare la sua auto, quando viene aggredita e minacciata con una pistola e trasferita in una casa nel Pavese, dove viene trattenuta per un paio di giorni.

I sequestratori, due italiani e un sudamericano pregiudicati, la liberano per motivi ancora da accertare. Il dirigente aveva offerto 100mila euro a testa per gli esecutori e per l’intermediario, un dentista che l’aveva messo in contatto i tre con il 59enne. Gli inquirenti, coordinati dal pm Luca Gallio e dal procuratore aggiunto Piero Forno, ritengono che l’uomo, separato e già padre di famiglia, volesse far abortire la ragazza per salvaguardare la propria reputazione.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -