Cuba: morto prigioniero politico Wilmar Villar dopo 50 giorni di digiuno

20 gen – Wilmar Villar, 31 anni, dissidente politico cubano arrestato lo scorso novembre, e’ morto dopo 50 giorni di sciopero della fame. Villar aveva intrapreso la radicale forma di protesta per contestare la sua condanna a quattro anni di reclusione, come ha riferito all’Afp l’attivista Eduardo Sanchez, leader del Comitato Cubano per i Diritti Umani e la Riconciliazione Nazionale.

”Il governo cubano ha la responsabilita’ morale, politica e legale per la morte di Wilmar, poiche’ egli si trovava preso in custodia dalle autorita”’, ha detto Sanchez che ha parlato di una ”morte evitabile”.

Wilmar Villar faceva parte dell’Unione Patriottica di Cuba, organizzazione nata da poco e giudicata illegale dal governo di L’Avana, ed era stato arrestato il 14 novembre nel corso di una manifestazione di protesta.

In prigione aveva iniziato a rifiutare il cibo fino a quando si e’ reso necessario il suo ricovero nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Santiago. La sua morte e’ analoga a quella di Orlando Zapata, prigioniero politico morto nel febbraio 2010 dopo 85 giorni di digiuno. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -