Chiusi Megaupload e Megavideo, rappresaglia degli hacker di ‘Anonymous’

20 gen. – E’ partito l’attacco degli hacker dopo la notizia che l’Fbi aveva spento il sito di condivisone dei file piu’ grande del mondo, Megaupload, uno dei piu’ popolari di tutta la rete e da cui migliaia di utenti scaricavano film e software piratati.

La chiusura di Megaupload ha dato vita a un’ondata di rappresaglia, convocate dal gruppo Anonymous nella notte tramite Twitter. Circa un’ora e mezzo la chiusura di Megaupload, con la tecnica del ‘denial of service’ gli hacker hanno reso inaccessibili le pagine web del Dipartimento della Giustizia statunitense, della discografica Universal, della Mpaa (la Motion Picture Association of America), della Riaa (Recording Industry Association of America); in tilt anche il web della Warner Music, dell’Fbi e l’ufficio del copyright statunitense.

Dopo l’attacco notturno, tutti i siti pero’ sembrano aver recuperato in mattinata. Si e’ trattato, hanno detto i pirati informatici, del “maggior attacco mai condotto da Anonymous, a cui hanno partecipato almeno 5.653 persone.
Le autorita’ accusano Megauploud di far parte di “un’organizzazione criminale responsabile di un’enorme rete di pirateria informatica mondiale” che ha causato oltre 500 milioni di dollari in danni ai diritti di autore.

Intanto, la corte di Auckland, in Nuova Zelanda, ha convalidato l’arresto dei due fondatori del sito Megaupload, fermati ieri dalla polizia in una residenza nella citta’ neozelandese. Il tedesco Kim Schmitz, noto come Kim Dotcom, e Mathias Ortmann, rimarrano in carcere fino a lunedi’, quando ci sara’ l’udienza per la cauzione. “Non abbiamo nulla da nascondere”, ha affermato Kim Dotcom durante l’udienza, dopo che il suo avvocato si era opposto a far entrare le telecamere nell’aula. I fermi sono stati compiuti in esecuzione di mandati d’arresto Usa. “L’Fbi ha contattato la polizia neozelandese all’inizio del 2011.

Tutte le persone accusate sono state incriminate negli Usa.
Continueremo a lavorare con le autorita’ americane per fornire assistenza nella procedura di estradizione”, ha affermato l’ispettore Grant Wormald, dell’Agenzia neozelandese contro il crimine organizzato e finanziario.

In tutto l’Fbi ha incriminato sette persone, accusate di violazione della legge sul copyright e associazione a delinquere: Megaupload, uno dei siti di condivisione dei file piu’ grandi al mondo, avrebbe generato 175 milioni di dollari di profitti illeciti, causando oltre mezzo miliardo di danni. La ‘retata’ ad Auckland e’ stata compiuta da 70 agenti che hanno fermato anche il direttore marketing del sito, Finn Matato, e un olandese, Bram van der Kolk. La polizia ha inoltre sequestrato asset per 50 milioni di dollari, tra cui automobili di lusso come una Rolls Royce Phantom Drophead Coupe. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -