Bancari, firmato rinnovo del contratto: aumento di 170 euro e fondo occupazione

19 gen. – E’ stato raggiunto tra Abi e le 7 organizzazioni sindacali di categoria l’accordo sul rinnovo del contratto bancario, che ha decorrenza dal primo giugno 2012 e scadenza al 30 giugno 2014.

Il nuovo contratto prevede:

170 euro medi di aumento economico, da riparametrare in base agli inquadramenti dei lavoratori. Un aumento economico che recupera l’inflazione.

La creazione di un fondo per la buona e stabile occupazione, a cui contribuiranno economicamente con il 4% del proprio stipendio gli alti dirigenti bancari. Il Fondo, a regime, permettera’ l’assunzione di circa 16.500 giovani nei prossimi 3 anni, con l’obiettivo di arrivare a 25 mila in 5 anni. I giovani entreranno in banca con un salario temporaneamente ridotto del 18%. Dopo 4 anni lo stipendio raggiungera’ i livelli tabellari del contratto nazionale. Ma le assunzioni saranno tutte a tempo indeterminato.

La possibilità per le banche di riportare all’interno del proprio perimetro tutte quelle lavorazioni che negli anni precedenti erano state esternalizzate. I lavoratori coinvolti in questo processo di ”insourcing” potranno essere collocati progressivamente nell’area contrattuale del credito, con un graduale miglioramento delle loro condizioni retributive.

– I lavoratori in questione, pur avendo un orario lavorativo di 40 ore settimanali e stipendi inferiori del 20% rispetto agli standard del contratto nazionale, avranno comunque un trattamento economico complessivamente piu’ vantaggioso rispetto a quello del settore di provenienza e saranno inquadrati da subito nell’area contrattuale del credito.

Modifica dell’orario di sportello dalle 8 alle 22, subordinato dalle 8 alle 20 a verifica tra sindacati e azienda e dalle 20 alle 22 condizionato dall’accordo sindacato-azienda – Congelamento per 18 mesi degli scatti di anzianita’ e per tre anni della maturazione del Tfr (trattamento di fine rapporto) alle sole voci stipendio e scatti d’anzianità.

A ribadire che il rinnovo del Contratto Nazionale del credito “è stato raggiunto in un contesto di enorme difficoltà economica nel settore e in tutto il Paese” è anche il segretario generale della Uilca, Massimo Masi, evidenziando che in tale ambito “assume particolare rilevanza aver definito la costituzione di un Fondo per l’Occupazione, alimentato in via solidaristica dai lavoratori, con l’obiettivo di oltre 6.000 nuove assunzioni stabili all’anno per i prossimi 5 anni“. “Saremo particolarmente attenti nella verifica che al Fondo contribuiscano anche, in modo effettivo, i top manager bancari, recependo l’invito loro rivolto in tal senso dal presidente dell’Abi Giuseppe Mussari, al quale invio un ringraziamento per aver svolto tale opera di sensibilizzazione in un momento cosi’ delicato”. (Adnkronos)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -