Nigeria: I Cristiani sotto la minaccia di un vero e proprio piano di epurazione

BRUXELLES 12 Gen2012 – Dopo gli attacchi che hanno preso di mira i Cristiani alla vigilia di Natale (50 morti), i Cristiani in Nigeria sono stati presi di mira ancora una volta, 3 gennaio, il gruppo terrorista islamista Boko Haram.

Il suo portavoce, Abul Qaqaa, ha decretato che la scadenza dell’ultimatum per i Cristiani che vivono nei 12 stati musulmani del nord devono per sempre lasciare il paese, pena di essere tutti massacrati.

Dopo gli attacchi della vigilia di Natale, gli attacchi più violenti si è svolta durante una manifestazione di lutto Mubi (20 morti) e nelle chiese diYola (Adamawa stato, 10 morti) e Gombe ( 7 morti). Dal momento che gli scontri all’inizio di gennaio, tra islamisti e forze di sicurezza continuano, le case
di cristiani sono state bruciate, e centinaia di cristiani nigeriani continuano a fuggire dalle loro case. Già, 24 dicembre 2010, alla vigilia di Natale, molte chiese erano state attaccate da Boko Haram a Jos, che ha provocato la morte di decine di cristiani.

Secondo Ayo Oritsejafor, capo della Christian Association of Nigeria (CAN), si tratta di una “sistematica pulizia etnica e religiosa”. Il 31 dicembre il presidente (cristiano), Goodluck Jonathan, che è stato eletto lo scorso aprile, ma contrastata da organizzazioni islamiste che necessitano di un presidente musulmano, ha dichiarato lo stato di emergenza negli stati dell’Europa centrale e nord-est di paese e poi chiuso il confine con gli Stati vicini dove vi è Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM), tra Ciad e Niger. Alludendo al fatto che Boko Haram ha molti complici nel Nord amministrazioni e partiti religiosi islamici e organizzazioni, il presidente nigeriano non ha esitato ad accusare i governatori degli stati del nord di essere “complici” dei massacri.

Lo spettro di Al-Qaeda in Nigeria e in Africa nera

La setta islamica Boko Haram, fondata nel 2002, è la fonte di innumerevoliMattacchi contro i cristiani. Il nome stesso di Boko Haram, che significa “l’educazione occidentale è un peccato” in lingua hausa, dice tutto. E dimostra ancora una volta che il nuovo christanophobie è associato con l’anti-occidentalismo, come si è visto anche in Somalia, Algeria, Egitto, Sudan, Iraq, ecc. Oggi, Boko Haram sta cavalcando questo modo anti-cristiana e anti-occidentali per reclutare nuovi membri. La setta terroristica e si applica la nuova strategia di Al Qaeda, che mira a rafforzare i legami tra la demonizzazione dei musulmani dai cristiani diventano, con i “sionisti”, i nuovi capri espiatori preferiti. L’organizzazione
terroristica islamica ha stretti legami non solo con i gruppi terroristici affiliati AQIM (Al-Qaeda nel Maghreb Islamico), attraverso il Sahara-Sahel
(Mali, Algeria, Mauritania, ecc), ma anche, più a est, con le milizie islamiche Shabab, legato anche ad Al Qaeda e il terrorismo in Somalia e nei paesi
limitrofi (Uganda, Etiopia, Kenya). Alcuni attivisti hanno anche Boko Haram made ​​in campi terroristi talebani e di al Qaeda in Afghanistan negli ultimi anni.

L’alleanza con i gruppi jihadisti in Africa e al-Qaeda è di particolare interesse per tutti i paesi della regione, soprattutto dopo il rovesciamento
del regime di Muammar Gheddafi, che ha permesso a militanti di al Qaeda e contrabbandieri nel deserto e il Sahel Africa sub-sahariana per guadagnare molte armi ed esplosivi rubati o recuperati caserma libica prima della caduta finale del dittatore.

La “soluzione finale” dei cristiani

In poco più di un anno e mezzo, il record di massacri di cristiani in Nigeria ha battuto il record per il più letale cristianofobia anni 2000, appena dietro il Sudan: un migliaio di morti da quando all’inizio del 2010 . È uno dei tanti: 9 marzo 2010, oltre 500 persone in villaggi cristiani sono stati uccisi a sud di Jos, capitale dello Stato di Plateau, a colpi di machete da fanatici musulmani.
Le vittime, molte donne e bambini massacrati e bruciati. Questa volta, i leader della carneficina non sono terroristi Boko Haram, ma un gruppo di allevatori musulmani Fulani gruppo etnico che ha attaccato ancora una volta con Berom, un sedentario etnica “nemico” prevalentemente cristiana, il che dimostra che le onde d’urto cristianofobia Nigeria è generale e non solo di gruppi terroristici, che è ancora più preoccupante per il futuro. Ancora una volta, come in tutti i pogrom “popolare” e guerre civili, centinaia di case sono state bruciate e distrutte e migliaia di cristiani sono stati sfollati. E secondo testimoni, hanno attaccato gli abitanti musulmani dei villaggi avevano anche ricevuto in precedenza i messaggi SMS di avvertimento loro l’attacco al fine di essere salvati da e …

Come in Egitto, Iraq, Pakistan o altrove nel terreno anti-cristiana, l’esercito è spesso complice della pogrom anticristiani, come confermato dal Forum dei cristiani dello Stato di Plateau, che accusa l’esercito nigeriano a non venire in aiuto dei cristiani attaccati. Alla luce di questi risultati, è chiaro che l’Unione europea, l’Occidente – in particolare Francia e Stati Uniti – è onorata di portare alle Nazioni Unite, il Consiglio d’Europa, la Corte penale a L’Aia, la questione della cristianofobia per aumentare la consapevolezza globale fino alla gravità della minaccia. A tal fine dagli Stati e movimenti radicali islamici – in piena rinascita in tutto il mondo musulmano, dall’Africa occidentale a Indonesia – è quello di realizzare progressivamente una vera “soluzione finale dei cristiani”: un pulizia etnico-religiosa che ha già portato in passato, vero e proprio genocidio, purtroppo ancora negato da alcuni Stati, come in Turchia nel 1915, o in Sudan tra il 1960 e il 2007.

Ma vero “piano di trattamento”, lucidamente denunciato la fine del 2010 dal presidente Nicolas Sarkozy, è anche perseguita e attuati in modo più graduale da attacchi ricorrenti, i pogrom, le persecuzioni di stato, incessante bullismo, o semplicemente un clima generale di insicurezza che spinge alla disperazione, la conversione forzata o all’esilio. Il risultato desiderato è in realtà a che fare, in definitiva, tutte queste terre vinte da Islam, la “terra christianrein ‘c’ vale a dire terra purificata dalla sua “infedeli” cristiani, trattati come demoni giudaico-cristiano, “complici dei crociati” americani o “agenti” della ex colonizzatori europei
Questo purtroppo sembra essere l’essenza del nuovo cristianofobia che solo una risposta globale e una forte pressione economica e politica dagli
Stati occidentali si fermerà.

Alexandre Del Valle

Traduzione: Google translate

http://www.atlantico.fr/decryptage/chretiens-nigeria-face-plan-epuration-boko-haram-abul-qaqa-alexandre-del-valle-263638.html?page=1

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -