Monti: ‘fiscal compact’ potrebbe costringere ad altre pesantissime manovre nei prossimi mesi

11 gen. – Nuova missione in Europa per il presidente del Consiglio Mario Monti, che oggi sarà a Berlino per incontrare la cancelliera tedesca Angela Merkel.  Nel viaggio in terra tedesca, il capo dell’esecutivo proseguirà nell’azione diplomatica iniziata all’indomani del suo insediamento a palazzo Chigi, tesa a sottolineare la volontà e gli sforzi dell’Italia finalizzati a mettere in sicurezza i conti pubblici, ma anche a realizzare riforme in grado di garantire la crescita.

Primo punto in agenda sarà il ‘fiscal compact’, vale a dire le nuove regole di bilancio per i Paesi dell’Eurozona, che, come ribadito ieri, Germania e Francia vogliono chiudere entro marzo. Un orientamento condiviso anche dall’Italia, per poter giungere rapidamente ad un’intesa sulla disciplina di bilancio e poi avviare iniziative per la crescita economica, in grado di garantire il superamento della crisi.

Se quindi c’è l’accordo sul metodo, restano però da chiarire alcune questioni sui contenuti del patto. La Germania è infatti intenzionata a inserire una norma in base alla quale i Paesi con un debito superiore al 60 per cento del pil debbono subito ridurre l’extra stock di un ventesimo ogni anno. Un vincolo che potrebbe costringere l’Italia a varare nei prossimi mesi altre pesantissime manovre.

Di qui l’azione diplomatica del governo Monti per poter inserire clausole che consentano di tener conto anche di altri fattori, come ad esempio l’ammontare dell’esposizione privata e la sostenibilità del sistema pensionistico, prima che scatti immediatamente l’obbligo di rientro.

Del resto i notevoli sforzi compiuti in queste settimane, dimostrano la volonta’ dell’Italia di perseguire politiche di bilancio rigorose, che nelle prossime settimane saranno accompagnate da interventi per la crescita.

Al rientro in Italia infatti l’intenzione del presidente del Consiglio è quella di dare un forte colpo di acceleratore al dossier sulle liberalizzazioni, per arrivare al varo di provvedimenti concreti prima del 20 gennaio, come annunciato lunedì dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà.

Venerdì, poi, il premier incontrerà a palazzo Chigi i leader di Pd, Pierluigi Bersani, Pdl, Angelino Alfano e dell’Udc, Pier Ferdinando Casini per fare il punto su liberalizzazioni e riforme. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -