Nuovo mistero sul delitto di Roma: forse l’obiettivo non era il denaro

Roma, 7 gen – Intorno alla borsa di Zhou Zeng, il cinese ucciso a Roma insieme alla figlioletta Joy di appena nove mesi, ruota un nuovo mistero, la cui soluzione potrebbe anche portare a capire il movente del delitto. Perché in quella borsa, gettata dagli assassini in un casolare diroccato, sono stati trovati 16mila euro. Ed è difficile che due rapinatori gettino al vento il bottino proprio dopo aver ucciso per averlo.
Tra l’altro, né la moglie né i parenti avevano raccontato che l’uomo, la sera del delitto, avesse con sé tutti quei soldi oltre ai tremila – l’incasso del locale – che nascondeva in tasca. Dopo il ritrovamento della borsa, quindi, i carabinieri non escludono che si sia trattato di un regolamento di conti, e che i killer non siano affatto italiani come invece sostiene la vedova del commerciante cinese.

Dopo il ritrovamento del denaro, si scopre che è lacunosa anche la ricostruzione del delitto che la donna ha fatto agli investigatori. Lei ha raccontato che la famiglia stava tornando a casa dopo aver chiuso il bar, e che quando i due rapinatori si sono avvicinati hanno subito cercato di strapparle la borsa e il marito è intervenuto per difenderla. Perché, si chiedono gli inquirenti, mettere a rischio l’incolumità di tutta la famiglia per una borsa vuota? Evidentemente vuota non era, e conteneva il denaro (forse anche di più) che poi è stato ritrovato nel casolare. Ma perché la donna non ne ha fatto cenno durante l’interrogatorio?

Altra domanda senza risposta: perché, dopo aver ucciso un uomo e una bambina per impossessarsi della borsa, i due rapinatori l’hanno gettata, piena di soldi, nel casolare dove è poi stata ritrovata? Pensavano di tornare a prenderla una volta che le acque si fossero calmate? Oppure il loro obiettivo non era il denaro, ma qualcos’altro che la moglie del cinese teneva nella borsa?

Una possibile risposta potrebbe venire dall’individuazione del destinatario delle migliaia di euro che Zeng inviava tramite un money transfer poco distante dal suo bar: non è escluso che anche quei sedicimila euro dovessero essere inviati a qualcuno, e questo potrebbe essere il movente. Ma ancora i conti non tornano, e gli investigatori stanno cercando di far combaciare i tasselli di quello che è diventato un vero e proprio puzzle. Costato la vita a un uomo e a una bambina di soli nove mesi. tgcom



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -