Iran, ayatollah contro Facebook: ”E’ anti islamico, usarlo è un peccato”

Teheran, 7 gen. – Facebook è anti islamico e il suo uso rappresenta un peccato per i musulmani. Lo ha stabilito un ayatollah iraniano, Lotfollah Safi-Golpaygani, il cui parere è stato diffuso dall’agenzia stampa iraniana Isna. “Fondamentalmente, andare su un sito web che diffonde immoralità e può indebolire la fede è un’attività proibita e anti islamica, per questo diventarne membro è haram (peccato) – ha affermato l’ayatollah- è permesso solo l’uso di siti che diffondono i principi religiosi e non portano a nessuna immoralià”.

In Iran è prassi comune richiedere pareri su pratiche sociali ai diversi ayatollah e le loro risposte sono una forma di editto religioso. ma è difficile che questo pronunciamento possa scoraggiare gli utenti di Facebook. Secondo stime ufficiali dello scorso ottobre, ben 17 milioni di iraniani hanno il loro profilo sul social network, malgrado le restrizioni imposte dal governo. Gli osservatori ritengono che gli utenti siano in realtà molti di più, in questo Paese di 70 milioni di persone con il 60% della popolazione sotto i 30 anni.

In Iran, le autorità hanno bloccato l’accesso a più di 5 milioni di siti, ma gli internauti riescono ad aggirare gran parte dei blocchi, così come i film e i Cd occidentali vietati sono facilmente reperibili al mercato nero. Le autorità hanno recentemente creato una unità di cyberpolizia per controllare il web e vi è anche un progetto, più volte rinviato, per creare una rete Internet iraniana. Adnkronos/Dpa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -