Parlamento UE, dichiarare ‘tra i rom il furto è tollerato’ è razzismo

STRASBURGO, 17 NOV – Scontro fra Lega e Ppe sui Rom al Parlamento europeo. Durante il dibattito in plenaria sulla situazione in Europa, il leghista Claudio Morganti ha sostenuto che quella dei Rom ”e’ una cultura in cui il furto e’ tollerato’‘. Il cristiano-democratico tedesco Bernd Posselt e’ scattato accusandolo di fare ”un discorso razzista” e di ”ritirare quanto detto”.

L’eurodeputato italiano si chiedeva se i Rom fossero ”interessati alle strategie di integrazione della Ue”, sostenendo che ”per loro stessa natura e ammissione sono un’etnia a parte, con regole, organizzazioni e tradizioni ben lontane dalla nostre”. Ha poi denunciato casi di rimpatri concordati a pagamento, elusi dai Rom ”che si sono ripresentati nei medesimi posti da cui se ne erano andati, facendosi beffe di tutti, Regione in primis”. Ne ha concluso che ”non ci si puo’ aspettare molto da una cultura in cui il furto e’ tollerato, se non addirittura esaltato” e che ”e’ inutile continuare con questo falso buonismo europeo’‘.

Le tesi del leghista hanno fatto scattare la reazione di Posselt, esponente della Cdu (il partito della cancelliera Merkel): ”Di solito sono per la libertà di parola, ma questo e’ un discorso razzista e quindi chiedo a Morganti di ritirare quanto appena detto”.

Invito non raccolto. Morganti ha infatti replicato che ”le mie parole altro non sono che il frutto delle tante testimonianze dei miei concittadini’‘. Sui Rom e’ intervenuta anche l’europarlamentare leghista Mara Bizzotto sottolineando come sia ”intollerabile che il Parlamento Ue e la Commissione europea vogliano perseverare con i programmi di integrazione dei Rom buttando centinaia e centinaia di milioni di euro che in questi anni hanno dimostrato tutta la loro inefficacia”. ”Resto convinta – ha indicato Bizzotto – che sia opportuno destinare questi soldi a quelle categorie di cittadini veramente in difficolta’ che, purtroppo, sono sempre piu’ numerosi all’interno dei nostri paesi. Nessuno ha il coraggio – ha aggiunto Bizzotto – di sollevare il problema dei fenomeni di delinquenza legati alle comunita’ Rom. Nessuno vuole parlare della difficolta’ di vivere accanto ad un campo Rom e nessuno parla delle violenze che i bambini Rom subiscono all’interno delle loro stesse comunita’, costretti dai propri genitori ad andare a rapinare nelle case o ad elemosinare per le strade”.



   

 

 

2 Commenti per “Parlamento UE, dichiarare ‘tra i rom il furto è tollerato’ è razzismo”

  1. in effetti è vero perchè non è che il furto sia tollerato tra i ROM , siamo noi che tolleriamo il furto quando è compiuto dai ROM !
    In quanto ai bambini siamo alle solite .. le leggi si impongono ai deboli ,mentre si soprassiede con i forti (di qualunque tipo … se tocchi un ROM poi te la devi vedere con il Posslet di turno…) , così si levano i bambini ad una coppia italiana in difficoltà ,ma si lasciano ai ROM che li mandano al … “lavoro”
    Infine non ricordo come è finita con la proposta di prendere le impronte digitali agli extracomunitari ( bimbi rom compresi) , proposta per la quale ci sono state rimostranze a dir poco oscene da parte dei soliti buonisti del menga! Oscene per due motivi 1) perchè mentre i cittadini italiani sono obbligati ad essere monitorati fin nei minimi particolari,lascia che gli stranieri non possano essere identificati con sicurezza. ( il che è una palese disuguaglianza di fronte alla legge). 2) perchè se le persone residenti in Italia non vengono “identificate con sicurezza”, non possono neanche essere “difesi” con sicurezza … favorendo .malavita,lavoro nero,traffici di vite umane e traffici … di organi umani !!! Così i buonisti impediscono di prendere loro le impronte digitali,, mentre lasciano che gli vengano presi gli organi!

  2. vergognoso, tra poco ci diranno cosa dobbiamo pensare. Poi non capisco perchè questa pezzentaglia ladra rom sia protetta più dei reperti archeologici. Ed intanto l’Italia si gode i peggiori immigrati di bassissima qualità e i rom, tra degrado,malattie importate,sporcizia,delinquenza extracom e rom enorme, costi di accoglienza imposti pazzeschi… L’immigrazione è un cancro, tutto il resto sono chiacchiede e demagogia buonista da parte di chi non subìsce la “linfa vitale” quotidianamente. NO AD OGNI IMMIGRAZIONE.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -