La sospensione della democrazia in Italia e Grecia

18 novembre 2011 (MoviSol) – […] Il Presidente Obama è stato tra i protagonisti dei colpi di stato in Italia e Grecia. Quando Berlusconi ha rassegnato le dimissioni sabato 13 novembre, si è affrettato a chiamarle “positive”. Sarkozy e Merkel si sono uniti al coro, dando la benedizione a Mario Monti, il consigliere di Goldman Sachs ed ex Commissario UE che Napolitano ha incaricato motu proprio di formare il governo dei tecnici. La Merkel ha dato lezioni di buon gusto spingendosi a dire che “la vera Italia sta col Presidente Napolitano e non con Berlusconi”.

Il governo italiano non è stato sfiduciato né dagli elettori né dal Parlamento, ma dall’uso del terrore finanziario. Il credito sovrano dell’Italia e quello delle sue banche sono stati fatti oggetto di speculazione mirata e massiccia, dapprima scatenata dalla famosa retrocessione di Moody’s lo scorso maggio e poi dalla decisione dell’EBA, l’autorità bancaria europea, che ha costretto le banche internazionali a sbarazzarsi di titoli italiani. Mentre la prima ondata portò i tassi del decennale sopra il 5%, la seconda (aggravata dall’annuncio del referendum greco) li ha spinti oltre il 7%.

Washington, Londra, Parigi e Berlino hanno messo alle strette l’Italia accusandola far fallire l’Eurosistema a causa di una “mancanza di credibilità” del suo esecutivo. L’Italia è stata commissariata dalla BCE mentre l’UE “collaudava i poteri della nuova governance economica rafforzata sull’Italia”, come ha dichiarato il Commissario Olli Rehn il 9 novembre, prima di mandare un gruppo di ispettori UE e BCE a Roma per monitorare l’applicazione delle misure raccomandate.

Infine, quando è stata presa di mira Mediaset da una speculazione guidata da due fondi di investimento USA, che hanno abbattuto il titolo del 12% in un sol giorno, Berlusconi ha gettato la spugna ed è salito al Quirinale.

Durante l’intera fase, il Presidente Napolitano ha abusato dei suoi poteri costituzionali, agendo come il vero esecutivo. Era lui l’interlocutore dei capi di governo di USA, Francia e Germania, della Commissione UE e della BCE. Un giorno sapremo i veri retroscena delle trame di Napolitano con i capi di potenze straniere per imporre un governo extraparlamentare made in Bruxelles.

Il capo di questo governo di non eletti parla come un sicario economico. Nel corso del programma “L’Infedele” a La7 lo scorso 26 settembre, Monti ha dichiarato che “oggi, secondo me, stiamo assistendo – non è un paradosso – al grande successo dell’Euro, E qual è la manifestazione più completa del grande successo dell’Euro? La Grecia. Perché? Perché l’Euro è stato creato sì per avere una moneta unica, ma soprattutto per convincere la Germania che ha fatto il grande sacrificio di rinunciare al marco per avere una moneta comune europea, che attraverso l’euro, attraverso i vincoli che nascevano con l’euro, la cultura della stabilità – il Presidente Ciampi richiamava sempre la cultura della stabilità – alla tedesca si sarebbe un po’ per volta diffusa a tutti. Quale caso di scuola si sarebbe mai potuto immaginare, caso limite, di una Grecia che dà, è costretta a dare abbastanza peso alla cultura della stabilità e sta trasformando se stessa?”

Nel “caso di scuola” greco, come in Italia, la democrazia è stata sospesa per permettere macelleria sociale. Il nuovo Primo ministro, Lucas Papademos, è stato vicepresidente della Banca Centrale Europea e governatore della banca centrale greca. Dopo aver lasciato la BCE nel 2010 è stato consigliere finanziario del Primo ministro uscente Giorgio Papandreu, riguardo all’esecuzione dei salvataggi e del “memorandum” UE. Papademos non ha mai ricoperto una carica elettiva. Il suo governo è pieno di ex commissari UE. Il vero potere dietro il nuovo Primo ministro è quello di Horst Reichenbach, che presiede la task force della Commissione Europea per la Grecia, che sarà potenziata e diffusa nei vari dicasteri per “assistere” all’applicazione dei programmi di austerità e di “ristrutturazione” dell’economia greca.

movisol



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -