Fimeccanica taglia stime ricavi, apre in calo oltre 9%

Imolaoggi – Finmeccanica ha ridotto le previsioni per l’intero anno e ha reso noto che, per ridurre il debito, prevede cessioni per circa un miliardo di euro entro fine 2012 nonchè la non distribuzione del dividendo sui risultati 2011.

Una nota della società, distribuita dopo il consiglio che ha approvato il resoconto al 30 settembre 2011 e il piano di consolidamento operativo e patrimoniale del gruppo, precisa che i ricavi per l’intero anno sono previsti tra i 17 e i 17,5 miliardi di euro contro i 17,5-18 miliardi previsti in luglio.

Il gruppo di armamenti si aspetta una perdita di circa 200 milioni di euro prima di interessi, tasse e ammortamenti (EbitA) per l’anno in corso.

Le azioni Finmeccanica, che risentono delle scarse prospettive del settore della Difesa, hanno aperto in calo di oltre il 9% per poi ritracciare a -8,6% a 4,1 euro.

Finmeccanica ha chiuso i 9 mesi con un risultato netto negativo per 324 milioni da un utile di 321 milioni dello stesso periodo del 2010.

I ricavi dei 9 mesi calano del 5% a 12,25 miliardi, gli ordini del 21% a 10,6 miliardi.

Finmeccanica ha detto che sul bilancio gennaio-settembre pesano oneri non ricorrenti per 753 milioni di euro e ha ridotto gli investimenti totali attesi nel periodo 2010-2012 a 3,4 miliardi da 3,6 miliardi.

reuters



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -