La politica è una stella cadente

Pur non essendo estraneo al circolo Goldman Sachs ed avendo in passato incarnato l`immagine del tecnocrate, Romano Prodi ha detto che
il governo Monti rappresenta «la sconfitta della politica».

E`vero, ma la sconfitta non è di oggi. Oggi si spegne una stella morta ormai da tempo. Da quando si è realizzato il sogno di Mayer Amschel Rothschild, capostipite della famosissima dinastia di banchieri, che nella seconda metà del Settecento così scriveva: «Autorizzatemi ad emettere moneta e a controllare i sistemi monetari del Paese e io non mi preoccuperò più di chi fa le leggi».

Fatto. Con Maastricht prima e la nascita dell`euro poi il sogno è divenuto realtà: la sovranità monetaria passa dagli stati alla Banca centrale europea, la quale ha emblematicamente sede a Francoforte, città natale del primo Rothschild, e non risponde ad alcuna autorità politica legittima.

«Chi fa le leggi» è finalmente irrilevante. Come spiegava il giurista Carl Schmitt, è nel momento eccezionale che emerge il vero
titolare del potere. Eccolo: è il tecnico della finanza
. E così da domani, per colpa dell`insipienza dei politici di maggioranza al pari di quelli
di opposizione, questa verità sostanziale in Italia diverrà verità formale. Il Tecnico si sostituirà anche fisicamente al Politico.

Evidentemente, era giusto così. Se non fosse che, in realtà, la politica non è morta, né può morire. Si è solo spenta; prima o poi dovrà riaccendersi.

LA POLITICA non è morta né è stato cancellato il luogo in cui tradizionalmente la si rappresenta: il parlamento. Ma il governo Monti nascerà al di sopra del parlamento, calato dall`alto del Colle e confezionato a Francoforte per resistere agli effetti perversi di una finanza ingovernata e di una politica inadeguata.

Andrea Cangini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -