Berlusconi annulla impegno Onu. Sarà al processo Mills

Stamani Berlusconi è a Milano per il processo Mills. Per esserci salterà l’assemblea dell’Onu dove si discute di Israele e Palestina. Ai pm di Napoli invece Berlusconi non ha indicato una data per essere sentito come parte lesa, e ora questi potrebbero disporre l’accompagnamento coatto.

Lo ha definito paradossale, surreale e ridicolo, un processo ”già morto”, il ”peggiore di tutti” quelli in cui e’ imputato ”perche’ non c’è prova ne’ movente”.
Oggi, pero’, Silvio Berlusconi sarà in aula all’udienza del processo per il caso Mills, nel quale e’ imputato per corruzione in atti giudiziari per avere consegnato 600 mila dollari all’avvocato inglese affinché fornisse testimonianze reticenti ai processi per le tangenti alla Guardia di finanza e All Iberian.

Per essere presente alla ripresa del dibattimento dopo la pausa estiva, il presidente del consiglio ha cambiato in corsa la sua agenda. Ha infatti annullato la trasferta a New York dove avrebbe dovuto partecipare all’assemblea dell’Onu con all’ordine del giorno il conflitto israelo-palestinese, la Libia, la Siria e l’Afghanistan.

L’improvviso cambio di programma sembra sia stato determinato dalla volontà di controbattere punto per punto alle accuse dell’opposizione dopo lo scandalo escort e l’inchiesta napoletana sulla presunta estorsione ai suoi danni. Se nei giorni scorsi con una lettera al ‘Foglio’ ha replicato all’opposizione che non ha la minima intenzione di dimettersi, con la scelta di presentarsi in Tribunale a Milano il premier vuole dare una risposta precisa a chi lo accusa di volere scappare dai giudici.

In particolare ai pubblici ministeri di Napoli che lo hanno convocato in qualita’ di parte lesa nell’inchiesta sulla presunta estorsione messa in atto da Tarantini e da Lavitola, il primo in carcere e il secondo irreperibile all’estero. I legali di Berlusconi sostengono che la convocazione dei pm napoletani e’ una sorta di trappola per il premier che potrebbe entrare in Procura da testimone e uscire da indagato.

Oggi, tra l’altro, i magistrati napoletani, dopo il rifiuto del presidente del consiglio di presentarsi come testimone, dovrebbero decidere quale strada percorrere. Se Berlusconi ribadirà il suo rifiuto a presentarsi i magistrati potrebbero anche decidere l’accompagnamento coatto, come prevede il codice. Una scelta non facile in quanto sarebbe necessaria l’autorizzazione della Camera.

Il processo Mills, tra quelli in cui Berlusconi e’ imputato, e’ quello su cui maggiormente pende la spada di Damocle della prescrizione. Per la corruzione in atti giudiziari, reato contestato al premier, la prescrizione scatta nel febbraio
2012.

L’avvocato inglese era stato condannato in primo e in secondo grado poi la Cassazione, aveva dichiarato la prescrizione. Il processo in corso a Milano e’ uno stralcio di quello principale. In una delle ultime udienze era stato sentito l’armatore napoletano Diego Attanasio. Secondo la difesa, infatti, non da Berlusconi ma da Attanasio provenivano i 600 mila dollari finiti nelle disponibilità di Mills. L’armatore napoletano ha però smentito questa ricostruzione: ”Non ci sarebbe stato motivo per me per regalare 600 mila dollari a Mills”, ha risposto Attanasio.

(Ansa)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -