Napoli, bufera per campagna pubblicitaria offensiva

Condividi

 

S’infiamma la polemica a Napoli per la campagna pubblicitaria di una nota casa di moda partenopea che ha tappezzato i bus e le mura della città con manifesti provocatori: modelle ammiccano da autobus e cartelloni, accompagnate da slogan con chiari riferimenti alla sfera sessuale e religiosa.

Spiccano su tutte le foto di Maddalena, in minigonna mozzafiato e sguardo languido, accanto al claim: “faccio la escort e non sono una ragazza facile” e quall di Maria accanto alla frase: “non sono vergine e ho una forte spiritualità”.

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla famiglia, Carlo Giovanardi ha invocato l’intervento immediato dell’Agcom considerato il carattere offensivo della campagna pubblicitaria. Sul caso è interventuo anche Vittorio Sgarbi che, invece, ha difeso le scelte dell’azienda campana: la censura, per il critico d’arte, in realtà è servita solo a rafforzare il messaggio pubblicitario.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -