Libia, Frattini: Gheddafi e i suoi vanno giudicati prima all’Aia

Ministro Frattini

Muammar Gheddafi e la sua famiglia devono essere giudicati dalla Corte penale internazionale dell’Aia prima che dai tribunali libici, ha detto oggi il ministro degli Esteri Franco .

“E’ chiaro che (i crimini contro l’umanità) sono delitti enormemente più gravi di ogni altro delitto”, ha detto Frattini alla trasmissione radiofonica RadioAnch’io, spiegando che per questo, e “per dare un segno”, Gheddafi e i suoi vanno processati prima all’Aia.

“Per i crimini nazionali c’è sempre tempo e spazio per i tribunali libici”, ha aggiunto Frattini.

Commentando la taglia che i ribelli hanno messo sulla testa di Gheddafi, vivo o morto, il ministro ha ribadito che “non ci sarà una vendetta, non ci sarà una giustizia sommaria. Questo è l’impegno che ha preso (il primo ministro del Consiglio nazionale transitorio Mahmoud) Jibril”.

reuters



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -