La Russa, Trattato amicizia puo’ tornare a valere

Il trattato di amicizia tra l’Italia e la Libia “non lo abbiamo rotto noi, sono venute meno le condizioni, ma i trattati non si fanno con il capo del Governo ma con le nazioni, con gli Stati; quindi io credo che quel trattato possa esser rimesso in vita nella sua interezza con chi avrà il diritto-dovere di governare la Libia democraticamente”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, intervistato da SkyTg24.

MANTICA, TRATTATO NON PUO’ ESSERE IGNORATO – Il Trattato di amicizia italo-libico, siglato tre anni fa dal premier Silvio Berlusconi e dal leader libico Muammar Gheddafi, “potrà essere aggiornato o limato, ma ha valore e non può essere ignorato”. Lo ha detto all’ANSA il sottosegretario agli Esteri, Alfredo Mantica. Il Trattato di amicizia e collaborazione tra Italia e Libia su firmato il 30 agosto 2008 a Bengasi, con accordi per 5 miliardi di dollari in 20 anni per chiudere il contenzioso sul passato coloniale del nostro Paese in Tripolitania e Cirenaica. Nei mesi scorsi, dopo l’inizio della rivolta anti-Gheddafi, il ministro degli Esteri Franco Frattini aveva detto che il Trattato era “sospeso di fatto” per mancanza di un interlocutore, ma che sarebbe ripreso con “la nuova Libia”. Anche i leader del Consiglio nazionale transitorio libico (Cnt) hanno più volte assicurato che gli accordi del Trattato sarebbero stati rispettati una volta caduto Gheddafi.

ANSA

Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -