Chavez pronto a trasferire capitali in banche russe, cinesi e brasiliane

Chavez, Presidente del Venezuela

Dopo il petrolio, la telefonia, le aziende cementizie, agricole e il Banco de Venezuela, Hugo Chavez ha deciso che il prossimo settore a passare sotto controllo dello Stato sarà quello dell’oro.

Julio Montoya, leader dell’opposizione, dichiara in un’intervista che Chavez sarebbe pronto trasferire circa 6 miliardi di dollari a banche in Russia, Cina e Brasile e richiamare 211 tonnellate d’oro delle proprie riserve dalle banche europee.

Il presidente del Venezuela ha reso pubblici i suoi piani: durante un intervento telefonico alla tv di Stato, ha detto che nei prossimi giorni presenterà un decreto che consentirà di porre sotto controllo pubblico sia l’esplorazione che l’estrazione d’oro. «L’oro è ancora nelle mani della mafia e del narcotraffico – ha chiosato Chavez – Noi non possediamo solo la ricchezza del petrolio, abbiamo anche una delle più grandi riserve auree al mondo. Dobbiamo convertirla in nostra ricchezza nazionale, perché il valore dell’oro sta aumentando».



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -